HOME 4et – RE: Bolling

HOME 4et – RE: Bolling

STEFANO SACCONE flauto, flauto alto

ENZO OREFICE pianoforte, arrangiamenti

MARCO DE TILLA contrabbasso, basso elettrico

LORENZO PETRUZZIELLO batteria

Claude Bolling, tra classica e jazz inventando il crossover Il termine crossover viene usato per indicare quella musica che si trova a metà strada tra vari generi, più spesso tra il genere della classica e quello del jazz. Jacques Loussier, gli Swingle Singers, soprattutto il Modern Jazz Quartet fanno tutti parte di questa grande famiglia. A usare per la prima volta questa espressione fu la stampa americana, spiazzata davanti all’enorme successo del disco di un colto jazzman francese, Claude Bolling, a metà strada tra la musica classica e lo swing di Duke Ellington.

Re: Bolling (track list)

1. Veloce

2. California (main theme)

3. Sentimentale

4. Pour Claude

5. Irlandaise

6. Pastorale

7. Affectueuse

8. Amoureuse

9. Black Battle

10. Baroque and Blue

Era l’anno 1976 e mai fino ad allora un’operazione discografica di questo tipo era riuscita ad attirare su di sé così tanta attenzione, al punto da restare per ben 530 settimane nelle classifiche americane di Billboard. Il disco in questione era la Suite pour flûte et piano jazz trio, scritta da Claude Bolling per il famoso flautista francese Jean-Pierre Rampal. Da questo momento fu chiaro per tutti che la strada della contaminazione tra i generi non era solo una curiosità, ma un vero e proprio fenomeno culturale cui fu data appunto l’etichetta di “crossover music”.

HOME 4et – RE: Bolling

I brani inseriti nel nuovo progetto discografico, tratti dalla Prima e Seconda suite per flauto e jazz trio e dalla California Suite, sono stati arrangiati cercando di allargare lo spazio dell’ improvvisazione; in alcuni casi modificando anche le strutture dei brani ma cercando sempre un equilibrio con la forza melodica dei temi dell’autore. Una rilettura che dona un nuovo sound ai brani adoperando gli elementi ritmici e tematici anche come materiale per l’improvvisazione e intende sottolineare l’attualità, la forza e l’originalità della musica di Claude Bolling.